Published: 20December2018

Olio di Coratina, l’eccellenza pugliese che fa bene alla salute

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La monocultivar Coratina, la regina dell’olio “I Tre Campanili”, ha una storia profonda da raccontare: così chiamata dal nome della città di Corato (BA) e inizialmente diffusa nel nord barese e nel sud-est della provincia di Foggia, è stata bistrattata per anni per il gusto amarognolo e piccante del suo olio.
Inizialmente, infatti, è stata utilizzata come “olio da taglio” per dare consistenza e resistenza a oli più fragili, ma dopo un periodo in ombra, annata dopo annata, è riuscita a ritagliarsi un posto da protagonista nella tradizione olivicola italiana.
I motivi principali sono due: i sentori fruttati e aromatizzati del suo olio conquistano il palato di sempre più consumatori e poi, l’altissima presenza di polifenoli la rende una delle olive più salutari di sempre.
I polifenoli sono antiossidanti naturali, importanti per la salute, ma anche per la durabilità e qualità del prodotto: la loro massiccia presenza nell’olio è anche responsabile del gusto amarognolo piccante della Coratina.
È in particolare l’eleupeina il polifenolo che caratterizza il gusto amaro di questa oliva e del suo olio, ma non solo: l’antiossidante è infatti molto utile contro le neoplasie, le malattie cardiovascolari, il diabete e le malattie neurodegenerative.
Sempre in merito alle proprietà salutistiche dell’olio extravergine di oliva e quindi anche dell’olio di coratina, in America è già successo qualcosa di straordinario: l’olio evo è stato ufficialmente riconosciuto come medicinale dalla Food and Drug Administration.

Un’altra importante proprietà della monocultivar d’eccellenza pugliese è anche il suo bassissimo indice di acidità, attestato intorno allo 0,2%, dato dalla esigua presenza di perossidi, responsabili di questa caratteristica dell’olio.
L’ulivo di Coratina offre i suoi frutti tardi rispetto alle altre monocultivar (novembre-gennaio), ma ha una resa molto alta, del 20-25% e le sue caratteristiche rizogene lo rendono duttile per qualsiasi terreno e fortemente orientato alle coltivazioni biologiche, poiché non ha bisogno di agenti chimici.
Abbiamo parlato delle proprietà salutari dell’olio di coratina, ma parliamo di un altro aspetto importante e cioè del gusto.
Quello della Coratina è inconfondibile e attira sempre più appassionati e food lovers: genericamente si presenta con un fruttato medio, amaro e piccante, dalle note tipiche del territorio pugliese.
Il nostro Nectar, a esempio, vero olio extravergine di coratina in purezza, presenta un’amabile profumo di carciofo, mentre è la mandorla l’altro sentore evocato dalle nostre varietà, prodotte grazie agli uliveti dei 200 soci della nostra Cooperativa, distribuiti nell’agro di Andria, Canosa, Barletta e Minervino Murge, in Puglia.
Come abbinare al meglio l’olio di Coratina? Sicuramente l’incontro più sublime è quello con piatti multisapore e dal gusto intenso, in particolare verdure alla brace, funghi porcini, zuppe di legumi, formaggi stagionali di pasta dura e carne alla griglia.
È ottimo anche per accompagnare insalate e verdure.
L’origine della Coratina è ancora misteriosa, ma il suo profilo organolettico e biologico, la sua adattabilità, la sua forza e la sua storia la rendono una protagonista della terra e delle tavole, affascinante e tutta da scoprire.